mercoledì 16 maggio 2012

NARCISO GENOVESE: SONO STATO SU MARTE.

Ich bin auf dem Mars Gewesen (Ventla Verlag , 1997). Tra le prime pagine del libro di Narciso Genovese (prima edizione in spagnolo, del 1958) si poteva leggere una lettera aperta dedicata al Presidente degli Stati Uniti che , succintamente, diceva: “ Al Sig. Presidente dell’Alleanza degli Stati del Nord America, Dwight D. Eisenhower, Washington , D.C. Egregio Signor Presidente, Noi siamo un’Associazione di 98 scienziati provenienti da diverse nazioni europee che dopo la fine dell’ultima guerra mondiale si sono volontariamente recati in un luogo segreto del Sud America, per continuare le ricerche iniziate a suo tempo da Guglielmo Marconi sulle forze dell’Energia del Sole. Questa istituzione non ha alcuna velleità politica. Noi teniamo anzi in simpatia il suo Paese, il suo Popolo e soprattutto i suoi sforzi volti a migliorare i rapporti tra i Popoli del Mondo . Nel merito di tutti questi argomenti noi abbiamo deciso, tra le altre cose, dopo un periodo di segretezza, di rendere pubbliche diverse considerazioni, in modo da contribuire efficacemente all’Avvedutezza ed alla Pace. Esistono veramente i dischi volanti ? Che cosa rappresentano? Da dove vengono? Se Lei leggerà questo libro tutto quello che è fino ad ora sconosciuto diventerà chiaro e comprensibile. La Terra è diventata punto di visita importante da navi di altri pianeti, e anche noi abbiamo costruito tali apparecchi e con questi abbiamo visitato altri territori , anche il Vostro. Tali apparecchi sono mossi da potentissime energie propulsive ricavate direttamente dalla forza del Sole e soprattutto sono in grado di rendere completamente inefficaci le forze delle reazioni atomiche. Lei deve comprendere che, in questo libro, non potremo comunque dare nessuna vera spiegazione precisa e che rimarranno molte cose non chiarite fino a quando non ci potremo mettere sotto la Vostra protezione in modo tale da allargare il campo di queste importanti discussioni verso un effettivo sforzo che punta verso nuovi orizzonti. A poco a poco si potranno chiarire molti argomenti e quando Lei con la medesima serietà si impegnerà ad affrontare la battaglia per l’Amicizia globale, noi avremo intenzione di stringere un’alleanza con Lei….” La prima edizione in lingua tedesca di “ Sono andato su Marte “ fu del 1965, mentre l’ultima edizione è stata del 1997.