sabato 21 maggio 2011

7 OTTOBRE 1994.

7 OTTOBRE 1994, ORE 02.00.

Nella notte del 7 ottobre del 1994, stavo tornando a casa in auto. Fermata l'auto davanti a casa, mi accingevo ad aprire la portiera e a scendere dall'auto per aprire il cancello, quando vidi alto nel cielo una sorta di disco abbastanza "panciuto" di grandi dimensioni,penso sugli 80-100 metri, all'apparenza semi-mascherato, come da un'alterazione visiva ( tipo l'effetto ottico sulla strada, che altera le forme, in giornate di molto caldo ). Ruotava su se stesso emettendo strane luci fioche - che apparivano anche sulla superficie del disco, come macchie di luce debole bianco-giallastra - e inoltre si spostava in direzione della Tangenziale. Essendo in una zona di campagna, non passava nessuno, e all'inizio rimasi atterrito per qualche secondo, in piedi e fermo di fianco all'auto, con la portiera aperta. Ripresomi in breve tempo, non sapevo che fare, e pensavo di precipitarmi in casa a prendere una macchina fotografica, ma temevo che l'oggetto scomparisse. Questo sembrava in attesa anche se lentamente, facendo ampi cerchi nel cielo in un minuto circa ad ogni giro, si dirigeva in direzione Tangenziale Ovest. Il mio stato passò da una forte paura ad una rabbia crescente, mista a coraggio, e così, balzando sull'auto, mi misi a seguirlo mentre l'oggetto si allontanava piano, in direzione Nord-Est. Dopo circa un chilometro che lo seguivo sulla strada deserta, vidi il disco abbassarsi moltissimo fino a circa 3-400 metri, sopra la mia auto. Occupava parte del cielo, era enorme, e la sua "pancia" rivelava una serie di luci molto accese e colorate. Fermatomi poco dopo tempo a ridosso dell'imbocco della Tangenziale, che avevo ormai raggiunto, scesi dall'auto. L'oggetto era sparito, non si vedeva più. Un'auto marrone scendeva dalla rampa, cercai di fermarla ma il conducente tirò diritto accellerando. Erano le 02.23 del mio orologio: l'esperienza era durata circa un quarto d'ora. Fantastico e tremendo allo stesso tempo. Altri dati, che qui non cito, li comunicai al Centro Ufologico Nazionale, sezione della mia Regione, ma solo circa dopo due mesi, perchè non avevo mai avuto contatti con il CUN, non avevo riferimenti nè indirizzi, e non sapevo a chi rivolgermi: allora Internet non c'era, e comunque, in Italia, non era diffuso. Conosciuto alla fine l'indirizzo di riferimento mandai una lettera, però a Bologna,se non ricordo male, e venni poi chiamato nella mia città a fare rapporto. Mi fu detto solo che quella notte, nella stessa zona, vi era stato un'altro testimone, niente altro.
Se posso dire la mia su quel disco, come oggetto volante utilizzava senz'altro una tecnologia invidiabile, silenziosissima, e tendeva a utilizzare una sorta di "mascheramento" nel cielo. Ma, dopo molti anni, non so certo dire se fosse un disco "extraterrestre" o derivante da una nostra tecnologia "superiore" e tenuta segreta sino ad oggi. Fu comunque un'esperienza impressionante, un vero incontro con un UFO. Da allora la mia passione per il mistero in generale, e la ricerca della Verità, qualunque essa sia, aumentò in modo esponenziale. E non mi sono più fermato.